David Foster Wallace
Roger Federer come esperienza religiosa

Casagrande 2010

traduzione di

Matteo Campagnoli

(libro esaurito)

«Ci sono tre spiegazioni valide per l'ascesa di Federer. La prima ha a che vedere col mistero e la metafisica ed è, a mio avviso, la più vicina alla verità. Le altre sono più tecniche e funzionano meglio come giornalismo». Per l'edizione di Wimbledon 2006, il «New York Times» invia in Inghilterra un corrispondente d'eccezione, David Foster Wallace. La penna di uno dei più importanti scrittori americani degli ultimi decenni incrocia così la racchetta del giovane campione svizzero Roger Federer, allora sul punto di aggiudicarsi – in una finale da sogno contro lo spagnolo Rafael Nadal – l'ottavo titolo del Grande Slam. Il risultato è un intensissimo saggio narrativo nel quale Wallace, avvalendosi anche di un passato da tennista, riesce a offrirci una brillante analisi del tennis contemporaneo e, soprattutto, la possibilità di partecipare a un'esperienza che ci fa scorgere il legame profondo tra la bellezza e la grazia di un fuoriclasse come Federer e le forze ultime dell'universo.